La nostra pedagogista

Federica Borghetti

Federica Borghetti è laureata in scienze dell’educazione e ha un master di perfezionamento nel coordinamento degli asili nido. Ha a lungo collaborato per Il Telefono Azzurro come consulente sui temi dell'infanzia e della prevenzione all'abuso e ha lavorato per 9 anni come direttrice in un asilo nido di Milano. Attualmente si sta specializzando per diventare mediatrice familiare.
E' madre di un bambino.

Per consulenze private presso il suo studio scrivete a nidomilano@pquod.com

Inviaci la tua domanda

CAPTCHA Image [ Different Image ]

30 May 2018

Meglio il nido o la tata?

Buongiorno,sto cercando di capire cosa è meglio fare una volta rientrata al lavoro, se mandare la bambina al nido comunale, prendere una tata o optare per un nido famiglia.La bambina avrà circa sei mesi e in quest'ultimo periodo in molti mi sconsigliano il "classico" nido per via delle malattie facilmente trasmissibili. Non avendo nessun aiuto ho bisogno di capire quale potrebbe essere la soluzione migliore per la mia condizione.Grazie

Gentile Alessandra,

la scelta che deve fare è sempre molto complessa per le neomamme.

Le tre opzioni nido comunale, nido famiglia e tata hanno tutte pro e contro. 

Il nido comunale è una struttura affidabile dove vengono accolti un numero di solito abbastanza elevato di bambini ( a seconda ovviamente della grandezza dello stabile) e affidati a personale formato e supervisionato.Il rapporto tra bambini ed educatrici è generalmente di 1 a 7 ( un educatrice per 7 bimbi). Ai bambini vengono proposte interessanti attività  aseconda delle età. E' vero che i bambini si ammalano spesso e che, per questo motivo, i genitori devono spesso ricorerre anche ad un aiuto esterno che si possa occupare del bimbo quando è ammalto o convalescente.

Il nido famiglia è sito in un normale appartamento e non è soggetto agli obblighi di legge di quello comunale relativamente agli spazi educativi. I bambini sono un numero ridotto (dai 5 ai 10). La diffusione delle malattie è comunque un problema presente.

Da ultimo, la tata: non si ha il problema delle malattie, il bambino rimane nella sua casa e il genitore ha un' unica spesa da sostenere (anche se forse più elevata del nido). Si instaura un rapporto generalmente molto forte tra la tata e il piccolo che può avere pro e contro e che spesso viene vissuta dalla madre con sofferenza. Infine la tata non viene sorvegliata da nessuno nello svolgimneto del suo lavoro.

Provi a visionare un po' di nidi e a fare un po di colloqui con possibili tate e poi scelga in base a ciò che la renda più sicura. Lei, innanzitutto, deve essere serena nel lasciare la sua bambina.

Potrebbe anche optare inizialmente per una tata ed iscrivere sua figlia al nido il prossimo anno scolastcio quando è un po piu grande.

Buona scelta e un caro saluto!

Tag: Asilo Nido


Notice: Undefined index: cookie_law in /data/www/nidomilano/htdocs/web/res/inc/inc_footer.php on line 15